• Via Roma, 80 04019 Terracina (LT)
  • Seguici sui Social
Ottica Menichelli

Le lenti polarizzate

Con l’arrivo della bella stagione, se stai pensando ad un nuovo paio di occhiali da sole, informati sui vantaggi che possono darti le lenti polarizzate.

Infatti, la luce si diffonde nello spazio in tutte le direzioni: verticale, orizzontale e lungo tutti gli angoli che sono compresi tra queste dimensioni.

Quando incontra una superficie riflettente: ad esempio delle superfici lisce e brillanti come neve, sabbia, acqua o asfalto la luce si “polarizza” e viene indirizzata verso una direzione specifica.

Proprio il riflesso della luce dalle superfici appena descritte causa riverbero, abbagliamento, riduzione del contrasto e riduzione della visibilità con conseguente affaticamento oculare e mancanza di dettaglio in ciò che stiamo osservando.

Le lenti polarizzate hanno, al loro interno, un filtro detto appunto polarizzatore, che permette il passaggio della luce che oscilla in una sola direzione e che riesce a schermare i raggi provenienti da altre direzioni che altrimenti farebbero scadere l’immagine.

Schermando la luce riflessa, gli occhiali polarizzati consentono una visione chiara e definita, restituendo un aumento del contrasto e migliorando la percezione dei colori.

In sintesi i vantaggi di una lente polarizzata sono:

riduzione dei riflessi e del riverbero su superfici come il mare, l’asfalto, la neve, etc.

riduzione dell’affaticamento visivo

aumento del contrasto 

Ci sono delle situazioni dove le lenti polarizzate possono creare quache difficoltà:

– quando si osserva un dispositivo digitale: cellulare, tablet, computer è necessario osservarlo nella normale condizione di visualizzazione o di uso,  altrimenti, ruotando l’angolo di osservazione si oscurerebbe parzialmente o totalmente la visuale dello stesso.

– determinate visiere dei caschi per moto se usate sopra agli occhiali polarizzati potrebbero creare un effetto arcobaleno.

– i parabrezza delle automobili sono costruiti con vetro laminato, questi ultimi fanno cambiare l’angolo di polarizzazione della luce, quindi il portatore di lenti polarizzate potrebbe percepire una sorta di reticolato, che in alcune condizioni può essere motivo di  fastidio.

Presso il nostro Centro Ottico potrai toccare con mano e provare con i tuoi occhi, le peculiarità di queste lenti. Passa a trovarci!!!
lenti a contatto

Le lenti a contatto

Che cos’è una lente a contatto?
Una lente a contatto è una sottile lente posta sul film lacrimale che ricopre la superficie dell’occhio. La lente è per sua natura trasparente, ma spesso viene sottoposta ad una leggera colorazione che la rende più visibile e ne facilita l’uso. Oggi le lenti a contatto sono disponibili in materiali rigidi o morbidi.

Breve storia delle lenti a contatto
Sebbene le lenti a contatto possano sembrare un’invenzione moderna, in realtà vantano una lunga e gloriosa storia che ha avuto inizio nientemeno che con Leonardo da Vinci e René Descartes. Tuttavia, fu solo verso la fine del diciannovesimo secolo che un maestro vetraio tedesco produsse una lente attraverso la quale si poteva vedere e che era relativamente ben tollerata. Nello stesso periodo, un oftalmologo tedesco sviluppò e applicò la prima lente a contatto che poteva essere portata per poche ore.

Tipi di lenti a contatto
Sebbene le lenti a contatto servano innanzitutto a correggere difetti visivi, sono disponibili anche lenti a contatto con finalità puramente estetica. Le lenti colorate possono accentuare o cambiare completamente il colore degli occhi, mentre altre lenti contribuiscono a creare alcuni degli effetti speciali che si vedono sul grande schermo.

Programmi di porto e ricambio
Al fine di mantenere gli occhi e la vista in salute, ogni paio di lenti a contatto viene fabbricato per un determinato programma di porto e deve pertanto essere sostituito ad intervalli predefiniti.

Le lenti giornaliere si portano per una giornata e devono essere gettate prima di coricarsi, per poi essere sostituite con un nuovo paio il mattino dopo. Le altre lenti hanno programmi di ricambio diversi.

Qualunque siano le tue preferenze e il tuo stile di vita, il tuo ottico può aiutarti a scegliere le lenti a contatto o le soluzioni di manutenzione idonee alle tue esigenze. Non dimenticare di consultare sempre un oculista se hai domande relative alla salute dei tuoi occhi e della tua vista.

Se vuoi avere un’idea su come mettere e su come togliere le lenti a contatto vedi questo video.

Consigli per i portatori di lenti a contatto
Tieni una scorta di soluzione per lenti a contatto. Se non porti lenti a contatto giornaliere, tieni sempre a disposizione una scorta di soluzione è fondamentale non rimanere mai senza. È un accorgimento particolarmente importante anche perché ogni volta che tocchi le lenti a contatto devi utilizzare una nuova quantità di soluzione.

Togli le lenti a contatto se avverti dolore o fastidio
Se dopo aver messo le lenti a contatto gli occhi iniziano a farti male o ad essere secchi, o se qualcuno ti avverte che sono rossi, rimuovi le lenti. Il dolore e il fastidio sono spesso la spia di un problema. Se ciò accade ripetutamente, consulta il tuo ottico per verificare che le lenti a contatto che utilizzi siano quelle giuste per te.

Tieni a portata di mano gli occhiali
Tenendo sempre con te gli occhiali, soprattutto in vacanza, permetterai ai tuoi occhi di riposare quando ne hanno bisogno. Non appena avverti dolore o fastidio a causa delle lenti a contatto, toglile. Il fatto di avere a portata di mano gli occhiali, semplificherà le cose.

Utilizza sempre occhiali da sole, anche se porti lenti a contatto con filtro UV
Le lenti a contatto con filtro UV non assorbono completamente i raggi ultravioletti, che possono pertanto danneggiare i tuoi occhi. Portando occhiali da sole con protezione UV ridurrai i rischi di lesioni o di affaticamento oculare.

Acquista le lenti a contatto presso un rivenditore autorizzato
Non dimenticare che le lenti a contatto saranno tutt’uno con i tuoi occhi. E che richiedono grande cura: al momento dell’acquisto e dopo. Se vuoi passare alle lenti a contatto, parlane prima col tuo ottico di riferimento: ti spiegherà come sceglierle, come portarle, manipolarle e averne cura. Tutto per proteggere la salute dei tuoi occhi.

Attieniti al programma di porto prescritto / al programma previsto per quando le indossi.
Non indossare mai lenti a contatto per un tempo superiore a quello previsto. Non vale la pena correre il rischio. Ogni lente a contatto è realizzata in un materiale diverso, per un diversi scopo.

Le lenti a contatto giornaliere di tipo morbido possono lacerarsi. Ricorda di trattatarle delicatamente. Se una lente si lacera, gettala. Non usare mai le unghie per manipolare le tue lenti: le unghie non solo possono causare danni, ma in esse si annidano batteri in grande quantità.

Non condividere mai con nessuno le tue lenti a contatto.
La condivisione delle lenti a contatto contribuisce a trasmettere i batteri; inoltre le tue lenti sono prescritte espressamente per i tuoi occhi e per i tuoi problemi di vista.

Utilizza sempre una soluzione per lenti a contatto pulita.
Non pulire mai le lenti con acqua del rubinetto: può contenere agenti patogeni e batteri che causano infezioni.

Non pulire mai le lenti a contatto con la saliva: nella bocca si trovano moltissimi batteri. E, sebbene molti di essi servano a mantenere sano il sistema digestivo, non hanno effetti altrettanto benefici sugli occhi.

Strofina e risciacqua.
Strofina le lenti a contatto con le estremità delle dita per 5-20 secondi con soluzione ogni volta rinnovata. Risciacqua accuratamente utilizzando sempre una nuova quantità di soluzione. In base a ricerche effettuate, il metodo “strofina e risciacqua” protegge le lenti a contatto dai microorganismi. È consigliabile adottarlo anche con quei sistemi di manutenzione che non lo prevederebbero.

Tieni pulito il portalenti
Risciacqua il portalenti al termine dell’uso e riponilo aperto e capovolto in un luogo asciutto e pulito. Sostituisci il portalenti almeno ogni tre mesi.

Non andare a dormire con lenti a contatto che non sono concepite per il porto continuo.
Le lenti a contatto a porto continuo sono realizzate con una tecnologia particolare, che lascia passare un’elevata quantità di ossigeno attraverso la lente e gli consente di raggiungere la cornea. Generalmente, quando sei sveglio e gli occhi sono aperti, le lacrime trasportano l’ossigeno presente nell’aria attraverso le lenti a contatto fino alla cornea. Mentre dormi, invece, le normali lenti a contatto impediscono un sufficiente afflusso di ossigeno agli occhi, e possono causare infezioni, ulcere e uno sviluppo anomalo di vasi sanguigni nella cornea.

Leggi le istruzioni e seguile attentamente
Segui scrupolosamente le istruzioni che ti fornirà il tuo ottico, quelle che trovi sul foglio illustrativo delle tue lenti a contatto e quelle che accompagnano la soluzione detergente e il portalenti. Tutte queste indicazioni sono state studiate per aiutarti a prenderti cura delle tue lenti secondo modalità che contribuiscono a proteggere la salute dei tuoi occhi.
Se vuoi saperne di più, passa a trovarci!

Fonte:https://coopervision.it/tutto-sulle-lenti-a-contatto

Ottica Menichelli

GreenVision sinonimo di affidabilità

Il nostro negozio nasce, per volontà di mio padre nel 1952, con l’attività di fotografia; alla quale nel 1974 viene affiancata quella dell’ottica.

Dal 2010 entriamo a far parte del Consorzio Ottico Italiano che riunisce, sotto il marchio GreenVision, oltre 600 negozi di ottica in tutta Italia ed è oggi  sinonimo di professionalità, innovazione e qualità.

Un gruppo di professionisti preparati e competenti che offrono ai propri clienti la qualità di un servizio completo, grazie all’appartenenza a un’organizzazione che ha come scopo la crescita professionale dei propri associati attraverso l’organizzazione costante di corsi di formazione. 

Gli obiettivi che il Consorzio persegue, infatti sono: la ricerca e lo sviluppo di nuovi prodotti, la comunicazione per rafforzare l’immagine e la conoscenza del marchio, l’impegno continuo a fianco di organizzazioni umanitarie per aiutare le persone meno fortunate, fornendo aiuti economici, professionali e di materiali. 

La vista è un bene prezioso, per tutti.

Ottica Menichelli

Una bellissima storia italiana: Persol

Persol è il simbolo di una bellissima storia italiana che inizia nel 1917 a Torino, quando l’ottico e fotografo Giuseppe Ratti crea i Protector, occhiali tecnicamente all’avanguardia progettati per rispondere alle esigenze di comfort, protezione e visione ottimale di aviatori e piloti sportivi. I nuovi occhiali sono adottati da diverse aviazioni nel mondo e indossati da poeti, aviatori, campioni di automobilismo e motociclismo dell’epoca, tra cui Gabriele D’Annunzio, Juan Manuel Fangio, Francesco De Pinedo nella celebre trasvolata dall’Europa alle Americhe.

Il marchio Persol, acronimo di “per il sole”, assume fin dall’inizio un’identità ben precisa che manterrà inalterata nel tempo:

vocazione all’eccellenza e alla qualità assolute, maestria artigianale e cura del dettaglio, innovazione tecnologica e stilistica.

Nei suoi 100 anni di storia Persol ha creato molti modelli di successo. Alcuni di essi, grazie al design originale e inconfondibile, sono diventati icone senza tempo: capaci di coinvolgere in tutto il mondo un pubblico vastissimo e trasversale di appassionati conservando uno stile attuale e un fascino irresistibile in epoche diverse.

Gli occhiali Persol si riconoscono per il design elegante e raffinato, la selezione accurata dei materiali, la qualità ottica delle lenti, la vestibilità e il comfort. Numerose sono le innovazioni progettate nei laboratori torinesi. Il Meflecto, nato alla fine degli anni ’30, è il primo sistema al mondo di aste flessibili che permette alla montatura di adattarsi alla fisionomia di ogni volto. Victor Flex è il ponte flessibile a tre intagli che aumenta la curvatura e l’aderenza al viso.

La Freccia è l’esclusivo attacco a cerniera che ha come fregio decorativo una freccia sull’asta ispirata alla spada degli antichi guerrieri. Straordinario connubio di eleganza e funzionalità, rende ogni paio di occhiali Persol immediatamente riconoscibile in tutto il mondo.

Il modello 649, la prima vera icona del marchio, viene creato nel 1957 per i tranvieri di Torino che avevano bisogno di un occhiale ampio per proteggersi dall’aria e dalla polvere. Dalle origini funzionali al grande pubblico il passo è breve. Il 649 diventa uno degli occhiali più ricercati fino ad essere consacrato a leggenda nel 1961 quando Marcello Mastroianni lo indossa nel film Divorzio all’italiana.

Negli anni ’60 inizia il profondo legame tra Persol e il cinema, che dura ancora oggi. Gli occhiali del marchio sono protagonisti di alcune fra le pellicole più rappresentative della cinematografia italiana e vengono scelti da grandi attori e registi che li indossano sul set e nella vita privata. Questo rapporto esclusivo si traduce negli anni in prestigiose collaborazioni con la Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, il Festival Internazionale del cinema di San Sebastián, i Nastri d’Argento di Taormina e molte altre.

Negli anni ’80 Persol prosegue nella sua vocazione di ricerca e sviluppo tecnologico realizzando occhiali sempre più innovativi. La partecipazione a spedizioni alpinistiche, corse automobilistiche nel deserto come la Parigi-Dakar e altri eventi in condizioni ambientali estreme permettono di verificare le performance di lenti e occhiali e sperimentare l’utilizzo di nuovi materiali.

Persol viene acquisito da Luxottica nel 1995 e trova nel Gruppo una perfetta identità di valori: la ricerca continua dell’eccellenza, la qualità assoluta di prodotti e processi, la spinta verso l’innovazione, la riconoscibilità internazionale e il forte legame con il territorio. Luxottica investe e valorizza questo straordinario patrimonio, trasformando Persol in uno dei marchi più importanti nel panorama dell’occhialeria mondiale nel rispetto delle sue radici: continuerà, infatti, a produrre gli occhiali Persol nella storica fabbrica di Lauriano (vicino a Torino) dove sono tuttora realizzati con la stessa attenzione e cura di sempre.

Ogni paio di occhiali Persol è un piccolo capolavoro di ingegno e manualità. Ancora oggi il processo produttivo è caratterizzato da più di trenta fasi in cui ricercatezza dei materiali, raffinata sapienza artigianale e cura maniacale del dettaglio si combinano perfettamente con le tecnologie più all’avanguardia.

Oggi più che mai quella di Persol è una storia in continua evoluzione: si chiude un centenario di grandi successi. Si apre un nuovo secolo da costruire con la stessa passione per la qualità e l’eccellenza, l’inesauribile capacità di guardare al futuro e reinventarsi restando fedele alla propria identità.

Fonte: www.luxottica.com

ray-ban-logo-1

RAY-BAN: LA STORIA DEL MARCHIO DI OCCHIALI PIÙ VENDUTO AL MONDO

Nel corso dei suoi settantacinque anni di storia, Ray-Ban ha veicolato una profonda rivoluzione nel mondo della musica e dell’arte, favorendo l’ascesa della cosiddetta celebrity culture e dando alle star del rock e del cinema il potere di influenzare la moda. Da James Dean a Audrey Hepburn, fino a Michael Jackson, Ray-Ban si è rivelato un accessorio indispensabile per le icone culturali che non vogliono semplicemente essere viste, ma vogliono essere notate. Ray-Ban ha lasciato un segno indelebile nella storia della cultura.

Anni ‘30: Le origini nell’aviazione

Mentre i nuovi aeroplani volano sempre più in alto e su rotte sempre più distanti, molti piloti della US Air Force, abbagliati dalla luce solare, accusano frequenti mal di testa e un senso di vertigini. Per ovviare al problema, viene introdotta una nuova tipologia di occhiali con lenti verdi in grado di eliminare i riflessi senza oscurare la vista. Nasce così il marchio Ray-Ban. La vendita dei nuovi occhiali antiriflesso viene estesa al pubblico a partire dal 1937. Il modello originale prevede una montatura in plastica dalla classica forma oggi universalmente nota come Aviator. L’anno successivo, dopo un accurato restyling, gli occhiali da sole acquistano una montatura in metallo e il marchio è ribattezzato Ray-Ban Aviator. Ben presto, la popolarità di Ray-Ban si diffonde dalla ristretta cerchia dei piloti a tutti gli amanti della vita all’aria aperta. Nel 1938, Ray-Ban lancia il modello Shooter disponibile con lenti verdi o giallo chiaro Kalichrome, ideali in condizioni di foschia grazie alla capacità di mettere a fuoco i dettagli e di minimizzare l’effetto della nebbia filtrando la luce blu. Il cerchio centrale “portasigaretta”, pensato per consentire al tiratore di avere le mani libere, è l’elemento distintivo di questo occhiale-icona. L’anno seguente, Ray-Ban espande ulteriormente il proprio catalogo – e il portafoglio clienti – con il lancio di Ray-Ban Outdoorsman. Inizialmente chiamato “Skeet Glass” e creato per categorie specifiche come gli appassionati di caccia, tiro e pesca, questo occhiale si distingue per la barra frontale e i terminali delle aste, che negli anni sono stati rivestiti con diversi materiali, quali madreperla e pelle di vitello.

Anni ‘40: Non solo aviazione

La Seconda Guerra Mondiale vede i piloti dell’aeronautica militare americana affidarsi nuovamente a Ray-Ban. L’attività di ricerca e sviluppo conduce a interessanti novità – prima fra tutte le lenti a specchio sfumate, caratterizzate da uno speciale rivestimento sulla sezione superiore per ottimizzare la protezione, mentre la sezione inferiore viene lasciata “naturale” per assicurare una visione più chiara della plancia dell’aereo. Pur essendo progettati a scopo militare, i prodotti e le innovazioni Ray-Ban piacciono anche alla gente comune, che vuole sperimentare gli stessi strumenti ad alte prestazioni in dotazione ai professionisti. L’influenza militare sulla moda è ormai indiscutibile: le t-shirt regolamentari dell’Esercito e della Marina Militare sono un caposaldo dello stile negli anni ‘40 e i civili, nel tentativo di imitare i piloti, sfoggiano occhiali cool e attuali. Ray-Ban ha compiuto il grande balzo dalla pura funzione bellica all’estetica della cultura pop – senza comunque sacrificare la tradizionale efficacia legata al marchio.

Anni ‘50: Il glam di Hollywood

Nell’immediato dopoguerra, Hollywood inizia a esercitare un’influenza sempre più decisiva sulle scelte del pubblico in fatto di abbigliamento in senso lato. Il 1952 è l’anno del modello Ray-Ban Wayfarer che, dopo essere stato indossato da vere e proprie leggende del grande schermo come Jeans Dean in Gioventù bruciata (1955) e Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany (1961), diviene uno degli accessori più inconfondibili nella storia della moda. Nel frattempo, Ray-Ban non cessa di rinnovarsi. Introdotti nel 1953, gli occhiali Ray-Ban Signet spiccano per l’appariscente montatura in oro o argento con bande orizzontali in corrispondenza del ponte, dei musetti e delle aste. Il Ray-Ban Signet originale è stato oggetto di numerose riedizioni, inclusa la recente Ray-Ban Johnny Marr’s Limited Edition, presentata nel 2011 e personalizzata dal chitarrista della leggendaria band indie rock britannica The Smiths. Fra le altre innovazioni degli anni ‘50 spiccano la lente grigia G-15 (1953) – un’opzione grigia neutra in grado di offrire una visione realistica dei colori e una protezione eccezionalmente comoda anche in presenza di riflessi abbaglianti – e una quarta montatura in metallo, Ray-Ban Caravan (1957), una versione più squadrata dei Ray-Ban Aviator resa celebre negli anni a venire dall’interpretazione di Robert De Niro in Taxi Driver (1976). Nel 1958 viene inaugurata la prima gamma espressamente dedicata alle donne, con montature di diversi colori ed elaborati arabeschi al passo con lo stile dell’epoca.

Anni ‘60: Rivoluzione e cambiamento

Accogliendo lo zeitgeist di cambiamento e rivoluzione che permea gli anni ‘60, Ray-Ban si adegua all’evolvere dei tempi. Dai circa trenta modelli prodotti all’inizio del decennio, il catalogo raggiunge i cinquanta nel 1969, contemplando proposte per uomo, donna e bambino. Ray-Ban ha ormai conquistato la leadership del settore eyewear internazionale, nonché una solida reputazione per lo stile e qualità sia degli occhiali che delle custodie in pelle e vinile, realizzate ad hoc per riporre e proteggere le montature. Se Ray-Ban continua a creare nuovi stili, i divi di Hollywood continuano a indossarli. I Ray-Ban Olympian I e II, introdotti nel 1965, vengono indossati da Peter Fonda in Easy Rider, nel 1969. Le montature presentano un ponte in metallo dalla curvatura sinuosa e lenti rettangolari arrotondate agli angoli – una linea che reinterpreta un grande classico con un’allure più lussuosa ed elegante. Gli occhiali da sole Ray-Ban Balorama esordiscono invece nel 1968, e si impongono all’attenzione degli spettatori nel 1971 grazie a Clint Eastwood in Ispettore Callaghan: il caso Scorpio è tuo. Sul fronte musicale, Bob Dylan appare raramente in pubblico senza i suoi Ray-Ban Wayfarer, puntando sulle lenti scure per accentuare il suo fascino enigmatico e anticonformista. Fra gli altri illustri debuttanti degli anni ‘60, si ricordano Ray-Ban Meteor, spigolosi e mascolini, e il modello a gatto Ray-Ban Laramie.

Anni ‘70: Il debutto nello sport

Negli anni ‘70, la disco regna sovrana. E discoteca significa abbigliamento appariscente e, spesso, occhiali da sole cool anche al chiuso. Ormai il mercato dell’eyewear si è fatto più sofisticato e ha intrapreso due direzioni distinte: esigenze sportive e accessorio fashion. Adeguandosi al trend, Ray-Ban lancia due modelli, Ray-Ban Vagabond e Ray-Ban Stateside, entrambi con montatura in plastica e disponibili con due tipologie di lenti: le lenti a specchio G-31 e le lenti standard G-15. Riproposto nel 2010, Ray-Ban Vagabond è stato aggiornato con l’aggiunta di lenti leggermente a goccia, che conferiscono al modello un look retrò di grande tendenza. Gli anni ‘70 sono il banco di prova di ulteriori innovazioni tecniche, che portano all’espansione del portafoglio prodotti: vengono sviluppati occhiali specifici per la montagna, con lenti a specchio e protezioni laterali in pelle per deviare la luce riflessa dalla neve e proteggere gli occhi dal sole e dal vento. Inoltre, Ray-Ban amplia l’offerta dedicandosi alla produzione di occhiali da vista accanto a quelli da sole. Nel 1974, vengono introdotte le lenti fotocromatiche Ambermatic, in grado di cambiare colore a seconda delle condizioni di luce. Le Ambermatic hanno il pregio di sottolineare forme e profili anche sulla neve e di oscurare la luce più intensa, perciò si prestano particolarmente alla pratica degli sport invernali.

Anni ‘80: Tra palco e grande schermo

Nel decennio dei videogiochi arcade, di MTV e del Brat Pack, Ray-Ban è un autentico must tra i marchi in voga. Per quanto riguarda i film, il modello Ray-Ban Wayfarer guadagna il ruolo di protagonista in The Blues Brothers (1980) e Risky Business – Fuori i vecchi… i figli ballano (1983). Con Top Gun (1986), i Ray-Ban Aviator tornano alle radici e sul volto dei piloti di caccia, facendo letteralmente impennare le vendite del modello originale Ray-Ban. Il look di Michael Jackson diventa subito un’icona quando il re del pop si presenta ai Grammy del 1984 con un paio Ray-Ban Aviator, anche se sarà poi Ray-Ban Wayfarer il modello scelto per l’epico Bad tour (1987-1989), il più seguito di tutti i tempi.

Anni ‘90: Una nuova era per Ray-Ban

Ray-Ban continua a essere il marchio preferito del cinema anche negli anni ‘90: i Ray-Ban Clubmaster sottolineano i tratti di Denzel Washington in Malcolm X (1992) e di Tim Roth ne Le Iene (1992). Nel 1997, Will Smith e Tommy Lee Jones indossano i Ray-Ban Predator in Men in Black e nel 1998 la recitazione di Johnny Depp è accompagnata da un paio di Ray-Ban Shooter in Paura e delirio a Las Vegas. È il 1999 quando il Gruppo Luxottica acquisisce la divisione montature di Bausch & Lomb, che comprende marchi come Ray-Ban, Arnette, Killer-Loop Eyewear e REVO.

Anni 2000: Cultura e comunicazione

Il 2003 è un anno cruciale per il marchio, che si espande con l’aggiunta delle linee Ray-Ban Vista per le lenti da vista e Ray-Ban Junior per i più piccoli. Ray-Ban Vista attinge al retaggio pop e alla meticolosa lavorazione artigianale del marchio per creare occhiali contemporanei intrisi dello stile e della qualità Ray-Ban. Prima collezione di occhiali da sole interamente dedicata ai bambini tra gli 8 e i 12 anni, Ray-Ban Junior punta a fornire un’efficace protezione per gli occhi senza trascurare l’estetica e la comodità delle montature. Nel 2005, Ray-Ban Junior arriva a includere anche modelli interamente in titanio, un’opzione ipoallergenica e leggera ma comunque altamente resistente. Il 2006 riporta in auge i Ray-Ban Wayfarer in un’edizione totalmente rivisitata. Il fotografo musicale Mick Rock è incaricato di creare un nuovo servizio fotografico, intitolato Ray-Ban Uncut: the Wayfarer Session, dove vere e proprie star del genere indie rock – Peaches, James Murphy degli LCD Soundsystem, Bobby Gillespie dei Primal Scream e Johnny Marr degli Smiths – reinterpretano la versione aggiornata di questa pietra miliare dell’eyewear. Nel 2007, Ray-Ban lancia la campagna NEVER HIDE, un piano di comunicazione globale dall’impronta innovativa finalizzato a sottolineare la capacità unica di Ray-Ban di mettere i propri clienti al centro dell’attenzione attraverso un approccio cool senza tempo. NEVER HIDE prende il via a Times Square (New York) attraverso un progetto interattivo: 12 grandi schermi trasmettono le immagini inviate da chiunque desideri esprimersi in maniera genuina e spontanea proprio nel cosiddetto “crocevia del mondo” indossando un paio di Ray-Ban. Le fotografie vengono pubblicate anche in una galleria dedicata sul sito Ray-Ban.com, per diffondere l’esperienza NEVER HIDE in tutto il globo e dimostrare che Ray-Ban non si limita a celebrare l’individuo, ma anche il movimento. Ray-Ban Remasters, una serie ininterrotta di collaborazioni multimediali, vede la luce nel 2008. Il primo progetto coinvolge otto esponenti del panorama musicale internazionale, fra cui i Kills, i Black Kids, i Ladyhawke, gli Ipso Facto e Paolo Nutini. A ciascun partecipante viene chiesto di registrare la cover di un brano di sua scelta lanciato tra gli anni ‘50 e gli anni ‘60 – i decenni che hanno ispirato Ray-Ban Clubmaster – per poi eseguirli durante dei concerti live a New York, Pechino e Milano. Nel 2009, Ray-Ban reinterpreta i suoi modelli più amati in un’esplosione di nuovi colori con la campagna di comunicazione Never Hide Colorize. Grazie a Ray-Ban Wayfarer Colorize Kit, i fan hanno finalmente la possibilità di creare un occhiale da sole unico e personalizzato. Il kit contiene un paio di Ray-Ban Wayfarer bianchi, alcuni stencil e cinque pennarelli specifici per colorare la superficie della montatura. La recente operazione di aggiornamento di Ray-Ban Wayfarer include anche montature con disegni stampati all’interno, come la mappa della metropolitana di New York o originali motivi a fiori e a righe. La palette cromatica viene ampliata grazie alla serie Ray-Ban Rare Prints, che si ispira ai principali trend della cultura pop, del cinema e della pubblicità ed è disponibile in due temi: “Comics” e “Button Pins.” Ray-Ban riafferma la propria leadership in fatto di innovazione e tecnologia dando vita a un nuovo segmento. La collezione Ray-Ban Tech Carbon Fiber integra tutta la qualità della fibra di carbonio, robusta come pochi altri materiali ma anche estremamente leggera. La collezione è caratterizzata da aste avvolgenti formate da sette strati di fibre di carbonio, che si traducono in montature straordinariamente leggere, flessibili e a lunghissima durata nel tempo. Le lenti P3 (in policarbonato) e P3PLUS (in cristallo) garantiscono una polarizzazione eccezionale e colori più vividi e ad alta definizione. Inoltre, l’esclusivo trattamento anti-riflesso elimina i bagliori e offre una protezione a trecentosessanta gradi contro i raggi UV dannosi.

Anni 2010: Aggiornamenti, progressi e 75° anniversario

Nel 2010 i riflettori sono puntati di nuovo su Ray-Ban Aviator. Il celebre fotografo rock Kevin Cummins immortala le icone musicali di oggi e di ieri – come i Virgins, i Big Pink, i We Are Scientists e Iggy Pop – con il volto incorniciato da diversi modelli della famiglia Ray-Ban Aviator. Il 2011 vede il lancio di Ray-Ban Light Ray, una nuova collezione di occhiali da sole e da vista che va ad arricchire il segmento Tech. Le montature da vista Ray-Ban Light Ray sono realizzate con una lega di titanio ipoallergenica, durevole, flessibile e incredibilmente leggera. Inoltre, ciascun paio di Ray-Ban Light Ray da sole è provvisto di tre set di lenti intercambiabili per permettere agli utenti di personalizzare ogni giorno il look dei propri occhiali. Negli ultimi tempi, Ray-Ban ha presentato alcuni dei suoi modelli più celebri riletti in chiave moderna. Lanciati per la prima volta negli anni ‘80, i femminili Ray-Ban Cats 1000 sono stati recentemente riproposti con un design allungato e tondo in una gamma di colori audaci e brillanti, fra cui tre diverse varianti bicromatiche e lenti fumé. Anche la controparte da uomo, Ray-Ban Cats 5000 è stata rinnovata con un criterio analogo e include ora modelli bicolore viola/bianco, grigio/blu e rosa/nero. L’aggiornamento dei grandi classici Ray-Ban prosegue anche nel 2011 con la reintroduzione delle lenti nei colori in voga negli anni ‘60 – rosa, blu e verde – sui modelli Ray-Ban Round, Meteor e Laramie. L’anno successivo, Ray-Ban presenta venti nuovi colori sfumati per le lenti, incluse svariate combinazioni bicolore. Il 21 marzo 2011, migliaia di fan Ray-Ban si riuniscono in prestigiose location in tutto il mondo – Shanghai, Delhi, Istanbul, Roma, Berlino, Parigi, Barcellona, Londra, New York, Austin, Rio de Janeiro e Cancun – per celebrare un’evoluzione senza precedenti della campagna NEVER HIDE. Nell’ambito di un evento digitale di portata storica, i visitatori si esibiscono nei punti NEVER HIDE di tutto il mondo e le fotografie scattate sono trasmesse live sul sito Ray-Ban.com. In contemporanea, i fan potevano anche condividere le proprie foto con gli amici su Ray-Ban.com e sulle fan page dei principali social network, raggiungendo oltre 10 milioni di utenti su Facebook attraverso i feed dei post Ray-Ban. Nel 2011, anche i musicisti si mobilitano per Ray-Ban: Johnny Marr, chitarrista del leggendario gruppo indie rock The Smiths, sviluppa cinque diversi elementi e sfida cinque artisti rock emergenti – Au Revoir Simone, Best Coast, Carsick Cars, Mona e Tom Vek – a comporre una nuova traccia lasciandosi ispirare da questi spunti. Inoltre, Marr contribuisce alla creazione di un modello a lui ispirato, i Ray-Ban Johnny Marr’s Limited Edition: 1.500 montature Signet numerate color canna di fucile con lenti blu e l’autografo “Johnny” sul terminale dell’asta. Se da un lato lo stile e il legame con la cultura sono la chiave del successo di Ray-Ban, la tecnologia è da sempre il motore del marchio. Le radici di Ray-Ban affondano nelle soluzioni tecnologiche messe a punto per far fronte alle difficoltà dei piloti di oltre 75 anni fa e, ancora nel 2012, Ray-Ban continua ad affidarsi alla tecnologia per sviluppare i modelli del futuro. Il più recente progresso tecnologico del marchio è l’inserimento di LiteForce, un materiale (termoplastico) all’avanguardia già ampiamente sfruttato nei settori automobilistico, aerospaziale, elettronico e medico. Applicato al modello-icona Ray-Ban Aviator, LiteForce offre la stessa resistenza di una montatura tradizionale ma una flessibilità di gran lunga superiore. Resistenza e flessibilità continueranno a essere due valori imprescindibili delle collezioni Ray-Ban per i prossimi 75 anni. Nel 2012, Ray-Ban celebra il proprio patrimonio con la campagna di comunicazione “Legends”, presentando il profilo di una persona reale per ciascun decennio della storia di Ray-Ban e l’immagine della campagna che ha ispirato. Sette scatti per illustrare altrettanti decenni dal 1930 ad oggi e dimostrare che Ray-Ban è da sempre un promotore dei cambiamenti culturali, invitando coloro che condividono la filosofia del marchio a non nascondersi mai – NEVER HIDE, appunto. Ray-Ban celebrerà il 75° anniversario della fondazione pubblicando un volume in edizione limitata che raccoglie immagini rappresentative attinte al mondo della musica, del cinema, dello stile e della cultura popolare, contestualizzati da personaggi leggendari. Inoltre, la linea Ray-Ban Ambermatic 2012 Limited Edition reinterpreterà quattro modelli tradizionali Ray-Ban Aviator con le indimenticabili lenti fotocromatiche del 1978. Decennio dopo decennio, Ray-Ban ha saputo plasmare la cultura popolare. Ben lungi dall’essere un trend passeggero, gli occhiali Ray-Ban consentono a chiunque li indossi di esprimere individualità, gusto e raffinatezza. Oggi, 75 anni dopo che il primo paio di Ray-Ban Aviator ha consentito ai piloti statunitensi di raggiungere nuove quote, Ray-Ban si conferma un grande classico destinato a durare.

Fonte: www.luxottica.com

LUCE BLU DIAGRAMMA

La luce Blu

La luce Blu

Luce blu: questa sconosciuta!

Negli ultimi tempi si discute sugli effetti benefici e su quelli nocivi della luce blu, perchè se da una parte essa può essere salutare, dall’altra, può causare danni permanenti all’occhio.

Lo spettro visibile

La luce che arriva ai nostri occhi è composta da una parte visibile e da una parte non visibile (ultravioletti UV e infrarossi IR).

E’ ormai consolidato il fatto che i raggi ultravioletti siano fortemente dannosi sia per la nostra pelle che per i nostri occhi, queste radiazioni arrivano alla retina in piccolissime quantità,  in quanto assorbite quasi totalmente dalla parte anteriore dell’occhio che ne subisce le maggiori conseguenze.

La componente blu della luce tra 380 e 440 nm, nota anche come luce visibile ad alta energia (HEV), non viene opportunamente filtrata quando attraversa l’occhio, così arriva sulla retina causando danni alla stessa (fotoretinite, degenerazione maculare).

La restante parte di radiazione,  che va dai 440 ai 500 nm, invece è considerata la parte “buona” della luce blu perchè è d’importanza vitale per l’organismo in quanto stimola la parte del cervello dove viene prodotta la melatonina, responsabile della regolazione del ciclo veglia -sonno.

Aspetti benefici della luce blu

La luce è fondamentale per la regolazione dei nostri ritmi biologici perché influenza il benessere generale del nostro corpo. Dipende, infatti anche dalla luce se ci sentiamo svegli, concentrati, produttivi e pieni di energia.

L’effetto biologico della luce sul nostro corpo è scientificamente provato.

La luce ultravioletta influenza la produzione di vitamine, la luce intensa, e in particolare la porzione di luce blu, influenza l’equilibrio ormonale. Gli ormoni, tra tutte le altre cose, regolano il modo in cui le persone si sentono, nonché il ciclo sonno-veglia. La presenza di luce blu di giorno è abbastanza elevata ed è significativamente ridotta di sera.

In presenza di forte illuminazione, il corpo secerne serotonina “ormone della felicità” e cortisolo, l’ormone dello stress che ci fanno sentire svegli e attivi. L’ormone del sonno, la “melatonina”, invece ci fa sentire stanchi e dormire profondamente quando è buio.

La luce, in particolare la luce blu, influisce anche sul nostro benessere psicologico, per cui la fototerapia serve per trattare la depressione invernale e l’insonnia, naturalmente “tutto con moderazione”, perchè un’esposizione eccessiva alla luce comporta anche dei rischi e può risultare dannosa.

Aspetti nocivi della luce blu

L’esposizione eccessiva alla luce, nell’intervallo ultravioletto e blu-violetto, può causare danni all’occhio umano, ad esempio congiuntiviti, infiammazioni corneali, danni al cristallino (cataratta) e, in particolare, patologie retiniche (degenerazione maculare).

Per queste ragioni è di fondamentale importanza indossare occhiali da sole con una protezione del 100% ai raggi UV in condizioni di intensa luce solare.

Sorgenti luminose con un’elevata emissione di luce blu

Tutte le nuove sorgenti luminose: lampade led, luce allo xeno, lampade a risparmio energetico, schermi ,monitor  tablet ed in genere tutti i dispositivi digitali emettono una quantità di luce blu superiore rispetto a quella prodotta dagli stessi nel passato,  esponendo i nostri occhi ad una maggiore dose di luce blu con conseguenze negative.

E’ comunque bene sapere che in una giornata nuvolosa, i nostri occhi, non protetti,  sono esposti alla luce blu 30 volte di più rispetto allo stare, per lo stesso tempo, davanti allo schermo di un Pc.

Come risolvere il problema della luce blu.

Esistono in commercio trattamenti per lenti da vista che includono un filtro che scherma la luce blu nell’intervallo compreso tra 380 e circa 450 nm; la porzione più dannosa, senza dover rinunciare agli effetti benefici che questa luce ha nell’intervallo compreso tra circa  450 e  500 nm.

Se vuoi ulteriori informazioni e magari vedere dal vivo una lente con il trattamento antiriflesso per la protezione dalla luce blu passa in negozio!!!

Fonte Zeiss

Ottica Menichelli

Le lenti fotocromatiche

Le lenti fotocromatiche

Le lenti fotocromatiche sono una particolare categoria di lenti che esposte alla luce hanno la capacità di variare l’intensità della colorazione grazie a degli elementi sensibili posti nella lente, che colpiti dai raggi ultravioletti, ovvero dalla luce solare, si attivano rendendole scure.

Quindi in ambienti interni o di sera sono quasi totalmente bianche per diventare scure se esposte alla luce.

E’ evidente che tanto maggiore sarà la presenza di luce solare tanto più scure diventeranno, anche nelle giornate nuvolose, essendo minore la quantità di raggi ultravioletti presenti, verranno comunque attivate, pur non scurendosi quanto in pieno sole.

Le colorazioni che si possono ottenere da queste sono le più svariate: ci sono i classici colori grigio, verde e marrone ed altri più glamour: smeraldo, zaffiro, ametista e ambra. Se invece, vuoi proprio stupire esiste anche una tipologia di colorazione chiamata flash to mirror: in interni risultano chiare con un delicato flash multicolore, all’aperto o alla guida, si trasformano diventando scure e specchiate. Anche in questo caso le specchiature ci sono in tanti colori, verde, blu, argento, oro e argento.

E’ importante sottolineare che attivandosi con i raggi ultravioletti queste lenti non funzionano benissimo in automobile, perchè il tetto e il parabrezza dell’auto ne ostacolano il passaggio.

Si riesce a superare questo limite, utilizzando delle lenti sempre fotocromatiche, ma che presentano una colorazione iniziale leggermente più evidente, comunque appena percepibile allo stato chiaro.

Esistono sul mercato tante lenti fotocromatiche in quanto ogni produttore ha sviluppato una propria tecnologia. Essilor con Transition, Zeiss con Photofusion, Hoya e Seiko con Sensity.

Ognuna di questa tecnologia ha le sue caratteristiche e peculiarità.

 

Di seguito riporto le domande che normalmente mi rivolgono i cliente che sono interessati all’acquisto:

Le lenti fotocromatiche sono completamente bianche in ambienti interni?

Sì, queste lenti sono quasi del tutto trasparenti quando il portatore si trova in un ambiente interno.

Sono indicate per essere indossate tutto il giorno, all’aperto e all’interno?

Certamente queste lenti sono quasi completamente trasparenti in ambienti interni e nelle ore notturne. Quando esposte alla luce solare, raggiungono un grado di scurimento simile a quello degli occhiali da sole.

Funzionano in automobile?

I raggi UV necessari all’attivazione delle lenti fotocromatiche sono parzialmente bloccati dal tetto e dal parabrezza. Esiste comunque una tipologia di lente che riesce a scurirsi anche all’interno dell’auto. Sarebbe comunque opportuno avere in queste circostanze un doppio equipaggiamento, ovvero anche un occhiale da sole specifico soprattutto se i tratti percorsi in auto richiedono molto tempo.

Le lenti fotocromatiche sostituiscono gli occhiali da sole?

Tali lenti sono ottimali e garantiscono buone prestazioni e protezione in quasi tutte le condizioni di luce, anche se in particolari circostanze, come all’interno dell’auto con il tetto ed il parabrezza che ostacola i raggi UV o in condizioni di elevata temperatura ambientale, un paio di occhiali da sole a tinta unita garantirà una protezione ed un miglior comfort.

Quanto tempo impiegano a diventare scure e quanto a ritornare allo stato chiaro? (scurimento e schiarimento)

Sono abbastanza veloci (intorno ad 1 minuto) per raggiungere il massimo dell’oscuramento, mentre per tornare totalmente chiare il tempo è leggermante più lungo (circa 5 minuti) ma gìa dal I° minuto che trascorri all’interno si riesce ad apprezzare un evidente schiarimento. I tempi di scurimento/schiarimento variano comunque in funzione della quantitá di raggi UV che le investono, dalla temperatura, e dai trattamenti antiriflesso presenti sulla lente.

Che intensità di colore assumo all’ombra?

All’ombra non diventeranno mai scure come se fossero esposte alla luce diretta del sole, ma comunque offrono comfort e una totale protezione ai raggi UV.

Sono indicate per la guida notturna?

Sì, sono indicate e certificate per la guida notturna come una comune lente bianca.

Quali vantaggi offrono rispetto ad una lente trasparente?

Questa tipologia di lente riesce nella stragrande maggioranza dei casi a far utilizzare al portatore un solo occhiale senza doversi preoccupare di averne altri al seguito. All’interno sono quasi totalmente trasparenti e quando esposte alla luce del sole raggiungono un’intensità di scurimento del tutto paragonabile ad un normale occhiale da sole. Offrono protezione dall’abbagliamento ed un ottimo comfort visivo.

 

Se vuoi constatare dal vivo il loro funzionamento passa in negozio abbiamo tutti i campioni demo da mostrarti così potrai scoprire e apprezzarne le qualità.