• Via Roma, 80 04019 Terracina (LT)
  • Seguici sui Social

Tag Archives: ottica

string(7) "classic"

Le lenti polarizzate

Con l’arrivo della bella stagione, se stai pensando ad un nuovo paio di occhiali da sole, informati sui vantaggi che possono darti le lenti polarizzate.

Infatti, la luce si diffonde nello spazio in tutte le direzioni: verticale, orizzontale e lungo tutti gli angoli che sono compresi tra queste dimensioni.

Quando incontra una superficie riflettente: ad esempio delle superfici lisce e brillanti come neve, sabbia, acqua o asfalto la luce si “polarizza” e viene indirizzata verso una direzione specifica.

Proprio il riflesso della luce dalle superfici appena descritte causa riverbero, abbagliamento, riduzione del contrasto e riduzione della visibilità con conseguente affaticamento oculare e mancanza di dettaglio in ciò che stiamo osservando.

Le lenti polarizzate hanno, al loro interno, un filtro detto appunto polarizzatore, che permette il passaggio della luce che oscilla in una sola direzione e che riesce a schermare i raggi provenienti da altre direzioni che altrimenti farebbero scadere l’immagine.

Schermando la luce riflessa, gli occhiali polarizzati consentono una visione chiara e definita, restituendo un aumento del contrasto e migliorando la percezione dei colori.

In sintesi i vantaggi di una lente polarizzata sono:

riduzione dei riflessi e del riverbero su superfici come il mare, l’asfalto, la neve, etc.

riduzione dell’affaticamento visivo

aumento del contrasto 

Ci sono delle situazioni dove le lenti polarizzate possono creare quache difficoltà:

– quando si osserva un dispositivo digitale: cellulare, tablet, computer è necessario osservarlo nella normale condizione di visualizzazione o di uso,  altrimenti, ruotando l’angolo di osservazione si oscurerebbe parzialmente o totalmente la visuale dello stesso.

– determinate visiere dei caschi per moto se usate sopra agli occhiali polarizzati potrebbero creare un effetto arcobaleno.

– i parabrezza delle automobili sono costruiti con vetro laminato, questi ultimi fanno cambiare l’angolo di polarizzazione della luce, quindi il portatore di lenti polarizzate potrebbe percepire una sorta di reticolato, che in alcune condizioni può essere motivo di  fastidio.

Presso il nostro Centro Ottico potrai toccare con mano e provare con i tuoi occhi, le peculiarità di queste lenti. Passa a trovarci!!!
string(7) "classic"

GreenVision sinonimo di affidabilità

Il nostro negozio nasce, per volontà di mio padre nel 1952, con l’attività di fotografia; alla quale nel 1974 viene affiancata quella dell’ottica.

Dal 2010 entriamo a far parte del Consorzio Ottico Italiano che riunisce, sotto il marchio GreenVision, oltre 600 negozi di ottica in tutta Italia ed è oggi  sinonimo di professionalità, innovazione e qualità.

Un gruppo di professionisti preparati e competenti che offrono ai propri clienti la qualità di un servizio completo, grazie all’appartenenza a un’organizzazione che ha come scopo la crescita professionale dei propri associati attraverso l’organizzazione costante di corsi di formazione. 

Gli obiettivi che il Consorzio persegue, infatti sono: la ricerca e lo sviluppo di nuovi prodotti, la comunicazione per rafforzare l’immagine e la conoscenza del marchio, l’impegno continuo a fianco di organizzazioni umanitarie per aiutare le persone meno fortunate, fornendo aiuti economici, professionali e di materiali. 

La vista è un bene prezioso, per tutti.

string(7) "classic"

Una bellissima storia italiana: Persol

Persol è il simbolo di una bellissima storia italiana che inizia nel 1917 a Torino, quando l’ottico e fotografo Giuseppe Ratti crea i Protector, occhiali tecnicamente all’avanguardia progettati per rispondere alle esigenze di comfort, protezione e visione ottimale di aviatori e piloti sportivi. I nuovi occhiali sono adottati da diverse aviazioni nel mondo e indossati da poeti, aviatori, campioni di automobilismo e motociclismo dell’epoca, tra cui Gabriele D’Annunzio, Juan Manuel Fangio, Francesco De Pinedo nella celebre trasvolata dall’Europa alle Americhe.

Il marchio Persol, acronimo di “per il sole”, assume fin dall’inizio un’identità ben precisa che manterrà inalterata nel tempo:

vocazione all’eccellenza e alla qualità assolute, maestria artigianale e cura del dettaglio, innovazione tecnologica e stilistica.

Nei suoi 100 anni di storia Persol ha creato molti modelli di successo. Alcuni di essi, grazie al design originale e inconfondibile, sono diventati icone senza tempo: capaci di coinvolgere in tutto il mondo un pubblico vastissimo e trasversale di appassionati conservando uno stile attuale e un fascino irresistibile in epoche diverse.

Gli occhiali Persol si riconoscono per il design elegante e raffinato, la selezione accurata dei materiali, la qualità ottica delle lenti, la vestibilità e il comfort. Numerose sono le innovazioni progettate nei laboratori torinesi. Il Meflecto, nato alla fine degli anni ’30, è il primo sistema al mondo di aste flessibili che permette alla montatura di adattarsi alla fisionomia di ogni volto. Victor Flex è il ponte flessibile a tre intagli che aumenta la curvatura e l’aderenza al viso.

La Freccia è l’esclusivo attacco a cerniera che ha come fregio decorativo una freccia sull’asta ispirata alla spada degli antichi guerrieri. Straordinario connubio di eleganza e funzionalità, rende ogni paio di occhiali Persol immediatamente riconoscibile in tutto il mondo.

Il modello 649, la prima vera icona del marchio, viene creato nel 1957 per i tranvieri di Torino che avevano bisogno di un occhiale ampio per proteggersi dall’aria e dalla polvere. Dalle origini funzionali al grande pubblico il passo è breve. Il 649 diventa uno degli occhiali più ricercati fino ad essere consacrato a leggenda nel 1961 quando Marcello Mastroianni lo indossa nel film Divorzio all’italiana.

Negli anni ’60 inizia il profondo legame tra Persol e il cinema, che dura ancora oggi. Gli occhiali del marchio sono protagonisti di alcune fra le pellicole più rappresentative della cinematografia italiana e vengono scelti da grandi attori e registi che li indossano sul set e nella vita privata. Questo rapporto esclusivo si traduce negli anni in prestigiose collaborazioni con la Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, il Festival Internazionale del cinema di San Sebastián, i Nastri d’Argento di Taormina e molte altre.

Negli anni ’80 Persol prosegue nella sua vocazione di ricerca e sviluppo tecnologico realizzando occhiali sempre più innovativi. La partecipazione a spedizioni alpinistiche, corse automobilistiche nel deserto come la Parigi-Dakar e altri eventi in condizioni ambientali estreme permettono di verificare le performance di lenti e occhiali e sperimentare l’utilizzo di nuovi materiali.

Persol viene acquisito da Luxottica nel 1995 e trova nel Gruppo una perfetta identità di valori: la ricerca continua dell’eccellenza, la qualità assoluta di prodotti e processi, la spinta verso l’innovazione, la riconoscibilità internazionale e il forte legame con il territorio. Luxottica investe e valorizza questo straordinario patrimonio, trasformando Persol in uno dei marchi più importanti nel panorama dell’occhialeria mondiale nel rispetto delle sue radici: continuerà, infatti, a produrre gli occhiali Persol nella storica fabbrica di Lauriano (vicino a Torino) dove sono tuttora realizzati con la stessa attenzione e cura di sempre.

Ogni paio di occhiali Persol è un piccolo capolavoro di ingegno e manualità. Ancora oggi il processo produttivo è caratterizzato da più di trenta fasi in cui ricercatezza dei materiali, raffinata sapienza artigianale e cura maniacale del dettaglio si combinano perfettamente con le tecnologie più all’avanguardia.

Oggi più che mai quella di Persol è una storia in continua evoluzione: si chiude un centenario di grandi successi. Si apre un nuovo secolo da costruire con la stessa passione per la qualità e l’eccellenza, l’inesauribile capacità di guardare al futuro e reinventarsi restando fedele alla propria identità.

Fonte: www.luxottica.com

string(7) "classic"
LUCE BLU DIAGRAMMA

La luce Blu

La luce Blu

Luce blu: questa sconosciuta!

Negli ultimi tempi si discute sugli effetti benefici e su quelli nocivi della luce blu, perchè se da una parte essa può essere salutare, dall’altra, può causare danni permanenti all’occhio.

Lo spettro visibile

La luce che arriva ai nostri occhi è composta da una parte visibile e da una parte non visibile (ultravioletti UV e infrarossi IR).

E’ ormai consolidato il fatto che i raggi ultravioletti siano fortemente dannosi sia per la nostra pelle che per i nostri occhi, queste radiazioni arrivano alla retina in piccolissime quantità,  in quanto assorbite quasi totalmente dalla parte anteriore dell’occhio che ne subisce le maggiori conseguenze.

La componente blu della luce tra 380 e 440 nm, nota anche come luce visibile ad alta energia (HEV), non viene opportunamente filtrata quando attraversa l’occhio, così arriva sulla retina causando danni alla stessa (fotoretinite, degenerazione maculare).

La restante parte di radiazione,  che va dai 440 ai 500 nm, invece è considerata la parte “buona” della luce blu perchè è d’importanza vitale per l’organismo in quanto stimola la parte del cervello dove viene prodotta la melatonina, responsabile della regolazione del ciclo veglia -sonno.

Aspetti benefici della luce blu

La luce è fondamentale per la regolazione dei nostri ritmi biologici perché influenza il benessere generale del nostro corpo. Dipende, infatti anche dalla luce se ci sentiamo svegli, concentrati, produttivi e pieni di energia.

L’effetto biologico della luce sul nostro corpo è scientificamente provato.

La luce ultravioletta influenza la produzione di vitamine, la luce intensa, e in particolare la porzione di luce blu, influenza l’equilibrio ormonale. Gli ormoni, tra tutte le altre cose, regolano il modo in cui le persone si sentono, nonché il ciclo sonno-veglia. La presenza di luce blu di giorno è abbastanza elevata ed è significativamente ridotta di sera.

In presenza di forte illuminazione, il corpo secerne serotonina “ormone della felicità” e cortisolo, l’ormone dello stress che ci fanno sentire svegli e attivi. L’ormone del sonno, la “melatonina”, invece ci fa sentire stanchi e dormire profondamente quando è buio.

La luce, in particolare la luce blu, influisce anche sul nostro benessere psicologico, per cui la fototerapia serve per trattare la depressione invernale e l’insonnia, naturalmente “tutto con moderazione”, perchè un’esposizione eccessiva alla luce comporta anche dei rischi e può risultare dannosa.

Aspetti nocivi della luce blu

L’esposizione eccessiva alla luce, nell’intervallo ultravioletto e blu-violetto, può causare danni all’occhio umano, ad esempio congiuntiviti, infiammazioni corneali, danni al cristallino (cataratta) e, in particolare, patologie retiniche (degenerazione maculare).

Per queste ragioni è di fondamentale importanza indossare occhiali da sole con una protezione del 100% ai raggi UV in condizioni di intensa luce solare.

Sorgenti luminose con un’elevata emissione di luce blu

Tutte le nuove sorgenti luminose: lampade led, luce allo xeno, lampade a risparmio energetico, schermi ,monitor  tablet ed in genere tutti i dispositivi digitali emettono una quantità di luce blu superiore rispetto a quella prodotta dagli stessi nel passato,  esponendo i nostri occhi ad una maggiore dose di luce blu con conseguenze negative.

E’ comunque bene sapere che in una giornata nuvolosa, i nostri occhi, non protetti,  sono esposti alla luce blu 30 volte di più rispetto allo stare, per lo stesso tempo, davanti allo schermo di un Pc.

Come risolvere il problema della luce blu.

Esistono in commercio trattamenti per lenti da vista che includono un filtro che scherma la luce blu nell’intervallo compreso tra 380 e circa 450 nm; la porzione più dannosa, senza dover rinunciare agli effetti benefici che questa luce ha nell’intervallo compreso tra circa  450 e  500 nm.

Se vuoi ulteriori informazioni e magari vedere dal vivo una lente con il trattamento antiriflesso per la protezione dalla luce blu passa in negozio!!!

Fonte Zeiss